My English teacher is very ugly. Full stop.

In un assolato pomeriggio di agosto, mi aggiravo a piedi per la savana. Non ero da sola, of course! In Africa, le brave ragazze non vagano mai senza una meta.
 
 
Ok, ricomincio da capo. Eravamo in quattro. Il metodico Mo, mia sorella Puzza, Dominic – the Big Black African Rafiki – e la sottoscritta. Dominic stava facendo un discorso serio e istruttivo, a proposito del ruolo dell’inglese nel sistema educativo dell’East Africa. Impegnativo. Molto impegnativo.
 
 
Quando Dominic si addentrava in cotali discussioni, mi stupivo di quanto cervello trasudasse dalle sue parole. A parte quella volta in cui mi aveva spiegato come calcolare il valore in mucche di una ragazza. E quella in cui aveva cercato di convincermi che di notte, nella savana, si aggirano gli spiriti degli antenati. Sosteneva di averli visti coi suoi stessi occhi. Nientemeno.
 
 
Non so come sia accaduto. Il fatto è che, all’improvviso, ho iniziato a declamare – non senza sommo sghignazzo – gli imprescindibili motivi per cui l’italiano medio si rifiuta di imparare decentemente l’inglese. Per fortuna, il mio gentile pubblico era dotato di un ferrato senso dell’umorismo.
 
 
La mia teoria, infatti, si basa sul presupposto che il sistema scolastico italiano abbia una gravissima carenza (fosse solo questa, poi…). Detto in parole povere, una buona percentuale delle insegnati di inglese che ci propinano fin dalla più tenera età è costituita da donne che definire orrende è troppo poco. Full Stop.
 
 
—————————————————————————–
 
 
Esempio numero uno. Al secondo mese della prima elementare. Avevo appena imparato a mettere due sillabe una dietro l’altra. Una mattina arriva la maestra. "Bambiniiiii! – strilla – vi presento la vostra insegnante di inglese". In quel preciso momento, tutti abbiamo istantaneamente imparato la sublime arte del prendere per il c**o i prof. Avevamo ben 6 anni a testa. Una marmaglia di 33 finti innocenti. Mary Terese, la leggiadra teacher, aveva un "leggero" accento astigiano. Tragicamente indipendente dall’idioma usato. Diceva di essere così assuefatta alla lingua britannica da pensare in English e tradurre simultaneamente in Italian. Salvo poi sputacchiare sulle prime quattro file ogni volta che proferiva parola. Una volta, all’inizio della lezione, una bambinetta ha perfino indossato l’impermeabile di Puccy. Diceva di avere freddo.
 
 
Esempio numero due. La suora di inglese delle medie. Mio fratello l’ha ereditata da me, e mia sorella l’ha ereditata da mio fratello. Poi abbiamo deciso di farla finita con le scuole delle suore. Bene. Questa, più invecchiava e più peggiorava. Con me era normale, col Mo era quasi normale, con la Puzza era quantomeno anomala. Se vedeva un gianduiotto spuntare all’improvviso, diffidava tutti dall’avvicinarsi. Perchè il gianduiotto è un alimento molto peccaminoso. E i peccati di gola mandano all’inferno. Cielo. Meglio non addentrarsi in altri tipi di peccato, allora!
 
 
Esempio numero tre. Rimembranze dai tempi del ginnasio. E del miglior professore di inglese (buonanima!) che io abbia mai avuto. Aveva solo due piccole ossessioni. Iniziava col programma solo dopo essersi assicurato che la nostra calligrafia fosse perfetta. E aveva un quaderno nero, in cui segnava scrupolosamente tutti i difetti di ogni singolo banco. Da sopra, da sotto, da sinistra e da destra. Chi avesse trovato un segno anomalo, avrebbe dovuto tempestivamente segnalare l’interessante scoperta. Prima che
qualcun altro…
 
 
Esempio numero quattro. Questa è la più terribile. La prof. del liceo del Mo. Il terrore fatto persona. Avrà elargito ben tre sufficienze in tre anni. Un giorno ha perfino deciso di cambiare pettinatura: ha optato per un viola prugna, con taglio a forma di prugna. Da quel momento, guarda caso, hanno cominciato a chiamarla Prugna. Prugna Arcigna, the English teacher. Urgh!   
 
 
Esempio numero cinque. Una tizia delle ripetizioni che è capitata nella carriera scolastica del fratellame. Era semplicemente brutta. Anzi, bruttissima. Specie quando era ora di "saldare il conto". E con questo, non c’è altro da aggiungere.
 
 
Esempio numero sei. La prof. del liceo del mio boy. Pare fosse bellissima. E anche simpatica. Una bond girl, insomma. E tanto basta a rendermela odiosa. Ci mancherebbe altro!
 
 
—————————————————————————
 
 
Potrei anche rincarare la dose. Potrei. Però domani mattina ho un esame di Inglese. E non vorrei mai che la prof. (che mi riservo di aggiungere successivamente all’elenco qui sopra), invece di dormire, scoprisse all’improvviso l’esistenza del mio blog. Sarebbe un disastro!!!
 
 
Comunque, come al solito, non voglio essere troppo acida.
Anche le prof. di Inglese hanno un cuore. In fondo.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Filosofia "della domenica". Contrassegna il permalink.

14 risposte a My English teacher is very ugly. Full stop.

  1. Eleonora ha detto:

    sulla foglia per lumachine tutto ciò che non è firmato è mio (niente più nomi per me;-P!)un bacio mia cara(sono arrivata a metà post..domani leggo l\’altra ..si chiama masochismo in caso ti chiedessi come mai son così scema!)Ciau ciau!Ele

  2. Davide ha detto:

    In fondo.comunque gli italiani che hanno imparato l\’inglese sono autodidatti oppure hanno guardato MTV per anni, come il sottoscritto che se dovesse capitare che,caso fortuito, mi invitassero ad un convegno ad oxford…rimarrebbero di stucco di fronte ai f**k contenuti in ogni singola frase.E ora, come punizione divina…la tesi devo scriverla in inglese…così come il blog.In fondo anche i bloggers hanno un cuore, meno spesso un sensociaociaoDavide

  3. Unknown ha detto:

    ciao Gis!!!!! prenderò in considerazione il tuo consiglio e cm dire.. ogni volta i tuoi complimenti mi lusingano, veramente!!!! grazie!!!!! per cambiare argomento, direi che devo fare un accenno sulla mia prof di english… direi in qst caso una vera eccezione alla regola, lei ci porta a vedere film in inglese ( che io trovo sia stupendo) ci fa divertire, anche se studiamo un casino, e sorpresa sopresina… io sto imparando qualcosa di inglese dopo anni in cui ho fatto quasi nullla!!!!un salutoneeeeee, ire!

  4. Graziano ha detto:

    ciao! la canzone è SLEEPING SUN dei NIGHTWISH!

  5. Unknown ha detto:

    confermo: cozze, spesso acide e sempre prese per il culo. povera, quella del liceo la facemmo piangere due volte

  6. Diana ha detto:

    le mie sono sempre state bellissime, profumatissime, spesso simpaticissime! eccetto quella del liceo. per non parlare delle sue supplenti, che conoscemmo quando a due mesi dalla maturità ci abbandonò perchè si ruppe un braccio!!! che disastro di donna…..

  7. LeFantômeDeL'Opéra. ha detto:

    FANTASMADELL\’OPERAE\’QUI…VOTATEILSUOBLOG… ahahahahahhafortissimo questo intervento!complimenti!neanche io sono un amante di inglese, anche se ho avuto esperienze meno singolari delle tue!cmq è utile, e lo stu studiando alla british:-)F.d.O.

  8. seenphony ha detto:

    io ho sempre adorato le mie teachers…soprattutto il mio ex fidanzato praghese che è stato la mia teacher numero uno.beh,romanticismi a parte.nei boschi?si,è andata esattamente così,solo che poi il fratellino l\’abbiamo trovato io e mio fratellone che cercava di cavalcare una pecorella.bucolic madness.a presto.

  9. Walter ha detto:

    ciao :)ottimo blog

  10. Davide ha detto:

    la cioccolata fa BENE.non fa venire i brufoli, tutt\’al più il burro di cacao aiuta a mantenere la pelle morbida (leggiamo gli ingredienti delle creme!)il cioccolato fondente è migliore per le proprietà antiox il contenuto in polifenoli ecc..ecc.ecc.ma il cioccolato al latte, è un mix ideale per i bambini (la Kinder ci ha azzeccato) pare che la quantità di lattosio assunto durante la crescita sia proporzionale al peso del cervello di un individuo!beh, vado a magnarmi una galatina e un chilo di cioccolatociaociao

  11. Unknown ha detto:

    divertente….troppo divertente…Ciao da giuseppe

  12. Unknown ha detto:

    Si, si, si. Hai troppo ragione. Io ho avuto una prof grandiosa alle medie, severissima ma davvero la migliore. Alle superiori…bè….Puoi leggere le frasi nelle perle di saggezza per avere un\’idea!

  13. Unknown ha detto:

    mi soffermo sull\’esempio numero due: oltre ai gianduiotti ce la aveva anche con la nutella!!Elena

  14. Alex ha detto:

    La numero sei era esattamente inarrivabile.Mi adorava…Se fossi stato un po\’ più sveglio al liceo avrei potuto fare il remake de "il laureato"…!Ah!Beata gioventù :-b

Rispondi a Alex Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...